Per chiedere informazioni all'autore del blog, scrivete all'indirizzo: cordialiter@gmail.com

martedì 29 novembre 2011

Come diventare suora?

Ci sono delle ragazze e anche delle donne adulte che si domandano: "Come diventare suora?" In genere avviene così: si contatta un ordine religioso verso il quale ci si sente portate; se una persona è attratta dalla vita contemplativa contatterà un monastero di clausura, se invece è attratta dalla vita apostolica e dalle opere di carità verso il prossimo, si può contattare qualche ordine di vita attiva. Quale ordine contattare? Uno di quelli che consiglio maggiormente è quello delle "Serve del Signore e della Vergine di Matarà" chiamate comunemente "Servidoras" (le suore della foto a lato), le quali sono fervorose, caritatevoli, gentili e fedeli al Papa. Hanno sia un ramo di vita attiva, sia un ramo di vita contemplativa. In maggioranza sono giovani, grazie al fatto che hanno molte vocazioni, ma accettano vocazioni di tutte le età, anche di donne che hanno superato i 40 anni. Vi consiglio di scrivere al loro indirizzo e-mail: vocazione@servidoras.org Vi risponderà suor Stella, una suora giovane e cordiale che vi aiuterà a realizzare il vostro sogno di abbracciare la vita religiosa. Dovete essere grate a Dio per avervi chiamato alla vita consacrata, nella quale è più facile salvare la propria anima e vivere con la coscienza in pace. Sant'Alfonso, alle ragazze indecise se sposarsi o entrare in convento, diceva più o meno queste cose: "...sia un uomo umile creatura, sia Gesù Cristo il creatore dell'Universo, ti vogliono per sposa. Rifletti attentamente su chi dei due può riempire maggiormente di gioia il tuo cuore e poi sposalo. Ricordati però che nel mondo non è raro trovare delle donne pentitesi di essersi sposate a causa dei maltrattamenti che ricevono dai loro mariti spesso simili a dei tiranni, ai dispiaceri che danno i figli, ai litigi con suocere e cognate, alle gelosie del consorte, ai dolori del parto, agli strapazzi per la cura della casa, agli affanni per accumulare beni terreni, ecc. Anche nella vita matrimoniale potresti vivere santamente, ma è molto difficile. Al contrario in un monastero di stretta osservanza sarà molto semplice per te divenire santa. Libera dalle preoccupazioni del mondo potrai dedicare tutta la vita nell'amare Dio. Se proprio non te la senti di entrare in un monastero, cerca di farti santa a casa tua vivendo da nubile, tranne nel caso in cui tu fossi abitualmente incontinente, nel qual caso è meglio prendere marito, come raccomanda San Paolo."

Cliccare qui per leggere altri articoli sulla vocazione religiosa.